HEADQUARTER

Effe Diligence srl SB

Via Partigiani d’Italia, 113
50053, Empoli (FI)
0571546352
[email protected]

CONSULENZA LEGALE PREVENTIVA

Il D.Lgs. 231 del 2001 ha introdotto nel nostro ordinamento la cosiddetta responsabilità amministrativa degli enti, prevedendo l’applicazione di specifiche sanzioni pecuniarie e/o interdittive direttamente in capo alle imprese qualora si instaurino procedimenti penali aventi ad oggetto taluni specifici reati commessi dalle persone fisiche incardinate all’interno delle aziende stesse.

Nello specifico, il D.Lgs. 231 del 2001 prevede una serie di reati (cosiddetti “reati-presupposto”) in relazione ai quali non solo viene chiamato a rispondere il soggetto in posizione apicale (rappresentante, amministratore, direttore) o in posizione subordinata (sottoposti alla direzione e vigilanza dei primi), che abbia posto in essere la condotta rilevante ai sensi della normativa penalistica ma anche – e ciò, contestualmente e sempre in sede penale – la società ove il medesimo risulti incardinato nel caso in cui venga accertato che il reato-presupposto sia stato commesso a vantaggio ovvero nell’interesse dell’ente.

La predetta normativa, nondimeno, prevede che la società possa andare esente da responsabilità nel caso in cui si munisca – prima dell’insorgenza dell’eventuale procedimento penale – del cosiddetto Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (MOG) ovverosia di un documento all’interno del quale vengono mappate, sulla base dello specifico organigramma aziendale, tutte le aree di rischio connesse alla concreta attività svolta dall’impresa e indicate, in specifici protocolli, tutte le azioni preventive da intraprendere e le prescrizioni da imporre a tutti i soggetti incardinati nella società al fine di prevenire la consumazione dei reati previsti dal D.Lgs. 231 del 2001 quali reati-presupposto fondanti la responsabilità amministrativa/penale dell’ente.

A tal fine, viene, altresì, imposto dalla predetta normativa, che venga istituito un Organismo di Vigilanza dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo, che sorvegli e riscontri nel corso di apposite assemblee, da tenersi periodicamente, l’applicazione e il rispetto del MOG.

Pertanto, al fine di prevenire il rischio di contestazioni penalistiche e l’avvio di procedimenti penali (anche) in capo alla società – che potrebbero comportare sequestri o sanzioni interdittive (quali l’interdizione dall’esercizio dell’attività; la sospensione o la revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dell’illecito) – è indispensabile dotarsi di un Modello di Organizzazione e Controllo che individui dettagliatamente i singoli protocolli (uno per ciascuna area di rischio penale configurabile in base alle specificità dell’azienda), nonché le procedure di prevenzione da far rispettare a tutti i soggetti incardinati nella società, siano essi sottoposti o apicali.

Effe Diligence, grazie ad un team composto da legali specializzati, offre servizi di consulenza alle imprese anche in materia 231, valutando in base alla specifica realtà aziendale, l’opportunità – invero sempre esistente qualora si tratti di attività esercitata in forme diverse dall’impresa individuale – di conformarsi alla normativa di cui al D.Lgs. 231 del 2001 e occupandosi della concreta mappatura dei rischi, nonché della predisposizione e dell’aggiornamento del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo.

Richiedi informazioni

VAI